Progetti

Il teatro che fa il suo dovere!

Chiunque essi siano

Laboratorio teatrale in lingua dei segni con l’ausilio della teatroterapia, una disciplina che ha tra i suoi obiettivi quello di armonizzare corpo, voce, mente e spirito nella relazione con gli altri e con se stessi, in un’ottica di raggiungimento del benessere attraverso la creatività a mediazione teatrale.

Il focus del progetto è la sensibilizzazione sui temi dei diritti e doveri dei cittadini e le conseguenze che talvolta seguono alla personale interpretazione da parte di chi vi si appella o intende applicarli. I temi e le criticità della scelta di agire secondo o contro i dettami della Costituzione sono stati al centro di una riflessione che ha coinvolto intimamente i partecipanti del laboratorio. Molti dei testi e dei racconti sono stati scritti dai partecipanti sulla base della loro esperienza e sono stati messi in scena sotto la supervisione mia e della drammaturga Elke Burul. Con questi presupposti, si è cercato di trattare temi sensibili con gli strumenti e i mezzi della rappresentazione teatrale, attraverso personali storie di vita, a volte crude, a volte dolorose, a tratti dolci, che abbracciano la libertà di religione, di informazione, di comunicare in segretezza, di circolare, di pensiero, il diritto di denuncia e il dovere al voto, il dovere di fedeltà alla patria e al lavoro.

Questo progetto si è posto come finalità la condivisione dell’esperienza teatrale e la sensibilizzazione sociale sui temi della diversità e della legalità e lo fa raccontando le storie e le visioni anche di attori con disabilità, senza troppi peli sulla lingua, per dire a gran voce quello che ci fa soffrire, quali che siano le ingiustizie percepite e le frustrazioni davanti a una società che a fatica riesce a essere coerente con quelli che sono i diritti e i doveri di tutti noi.

Il laboratorio si è realizzato tra i mesi di giugno e dicembre 2017 nella Sala Polacco del Teatro Bobbio di Trieste e se ne è determinata la conclusione con una rappresentazione teatrale avvenuta nello stesso Teatro Bobbio il 20 dicembre 2017 a cui hanno assistito tanti spettatori tra cui alcuni dei direttori degli enti che hanno collaborato (la dott.ssa Elena Weber per l’Istituto regionale Rittmeyer per i ciechi e la dott.ssa Stanislava Sosič Čuk per l’Associazione Sklad Mitja Čuk).

Ha vantato della partecipazione di 16 partecipanti con età diverse, bisogni diversi ed origini diverse.

I video dello spettacolo sono stati realizzati da me mentre la locandina è stata realizzata e offerta dalla società Montagni-McCluskey (MON-KEY snc).

Lo spettacolo ha riscontrato critiche molto positive in particolare dal dott. Flavio Paoletti, presidente del collegio IPASVI della provincia di Trieste, e dalla dott.ssa Stanislava Sosič Čuk che ha invitato tutti i partecipanti del progetto ad essere ospiti della decima edizione del fESTINVAL Op che si terrà a maggio 2018.

Il teatro che fa il suo dovere! avrà così una prossima replica al Teatro Prosvetni di Opicina.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi